Sei in: fpscagliari > Home Page > Legislazione > Decreto Ministero dell'Interno 23.12.2003

  

       
 

Federazione Lavoratori Pubblici e dei Servizi

Segreteria territoriale di Cagliari

Versione Stampabile

MINISTERO DELL'INTERNO

Decreto 23 Dicembre 2003

Modalità di assegnazione del contributo spettante alle unioni di

comuni per il servizio di polizia locale.

Gazzetta Ufficiale n. 17 del 22-1-2004

INDICE

Art. 1 - Finalità del provvedimento

Art. 2 - Ripartizione del fondo

Art. 3 - Attribuzione della quota del fondo correlata alle spese correnti certificate

Art. 4 - Attribuzione della quota del fondo correlata alle spese in conto capitale certificate

Art. 5 - Misure minime della quota del fondo

Art. 6 - Disposizioni finali

Allegato 1

IL MINISTRO DELL'INTERNO

Visto il proprio decreto del 1° settembre 2000, n. 318, recante: «Regolamento concernente i criteri di riparto dei fondi erariali destinati al finanziamento delle procedure di fusione tra i comuni e l'esercizio associato di funzioni comunali»;

Visto l'art. 31, comma 7, lettera a), della legge 27 dicembre 2002, n. 289, il quale prevede l'incremento dei contributi erariali spettanti alle unioni di comuni per l'anno 2003 nella misura complessiva di cinque milioni di euro, per l'esercizio in forma congiunta dei servizi di polizia locale, destinati a finalità di investimento;

Considerata la necessità di disciplinare le modalità di assegnazione ed attribuzione dei contributi per l'anno 2003 a favore dell'esercizio associato dei servizi di polizia locale;

Sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali;

Decreta:

Art. 1.

Finalità del provvedimento

1. Il presente provvedimento disciplina le modalità di assegnazione del contributo complessivo di 5 milioni di euro per l'anno 2003, a favore delle unioni di comuni che esercitano in forma congiunta i servizi di polizia locale, in base al disposto dell'art. 31, comma 1, lettera a), della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

2. I contributi assegnati sono destinati esclusivamente a spese di investimento.

Art. 2.

Ripartizione del fondo

1. Il fondo di cui all'art. 1 è così ripartito:

a) una quota, pari al 50 per cento, è attribuita alle unioni che esercitano in forma associata i servizi di polizia locale, in ragione delle spese correnti certificate, secondo quanto disposto dall'art. 3 del presente provvedimento;

b) una quota, pari al 50 per cento, è attribuita alle unioni che esercitano in forma associata i servizi di polizia locale, in ragione delle spese in conto capitale certificate, secondo quanto disposto dall'art. 4 del presente provvedimento.

Art. 3.

Attribuzione della quota del fondo correlata

alle spese correnti certificate

1. La quota del fondo di cui alla lettera a) del comma 1 dell'art. 2 è attribuita alle unioni di comuni che esercitano in forma congiunta i servizi di polizia locale, come risultanti dalle certificazioni in possesso del Ministero dell'interno, in base alle spese correnti sostenute per tali servizi. Le singole quote spettanti sono determinate secondo un criterio di proporzionalità tra l'ammontare del fondo da ripartire, l'importo totale certificato delle spese correnti relative ai servizi di polizia locale ed il relativo importo certificato da ciascun ente.

Art. 4.

Attribuzione della quota del fondo correlata

alle spese in conto capitale certificate

1. La quota del fondo di cui alla lettera b) del comma 1 dell'art. 2 è attribuita alle unioni di comuni che esercitano in forma congiunta i servizi di polizia locale, come risultanti dalle certificazioni in possesso del Ministero dell'interno, in base alle spese in conto capitale sostenute per tali servizi. Le singole quote spettanti sono determinate secondo un criterio di proporzionalità tra l'ammontare del fondo da ripartire, l'importo totale certificato delle spese in conto capitale relative ai servizi di polizia locale ed il relativo importo certificato da ciascun ente.

Art. 5.

Misure minime della quota del fondo

1. La quota spettante a ciascun ente, derivante dalla somma degli importi di cui agli articoli 3 e 4, è comunque determinata in misura almeno pari a 10.000 euro.

Art. 6.

Disposizioni finali

1. Entro il 30 settembre 2004 le unioni di comuni beneficiarie dei contributi di cui al presente provvedimento presentano al Ministero dell'interno, Dipartimento affari interni e territoriali, Direzione centrale della finanza locale, un'attestazione secondo l'allegato modello, contenente l'elenco degli impegni contabilmente assunti relativi ai contributi assegnati, sottoscritta dal responsabile del servizio di polizia locale e dal responsabile del servizio finanziario. La mancata presentazione dell'attestazione comporta la revoca dei contributi attribuiti.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 23 dicembre 2003

Il Ministro: Pisanu

Allegato 1

   

Al Ministero dell'interno

Dipartimento affari interni e territoriali

Direzione centrale della finanza locale

Piazza Viminale

Roma

DICHIARAZIONE

L'Unione dei comuni ______________________________________________________________________________;

costituita dai comuni di ____________________________________________________________________________;

con sede in _____________________________________________________________________________________;

dichiara

che dalle proprie risultanze contabili risultano i seguenti atti di impegno, relativi a spese di investimento, effettuati per i servizi di polizia locale alla data di presentazione del presente certificato:

Numero Data Importo

 

Bollo dell'ente

 

 

Il responsabile del servizio

di polizia locale

Il responsabile del servizio

economico-finanziario

 

 

 

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768

 

| Home page | Segreteria | Esecutivo | Consiglio | Sanità | Enti Locali | Ministeri | Agenzie Fiscali | Parastato | Regionali |
| Contratti | Accordi | Legislazione | Documenti vari | Centro Studi | Link | Mappa del Sito |

 

2003-2009 Realizzazione e gestione a cura della Cisl F.P. Territoriale di Cagliari

Via Ancona 11 - Tel 070306616 - Fax 070307196

Webmaster: Bruno Ugas